Visualizzazioni totali

Si è conclusa la Coppa Messapica 2016

Domenica 25 Settembre 2016
 PER IL VIDEO (CLICCA QUI)
Si è conclusa ieri  57esima Coppa Messapica. La bellissima giornata ha reso ancora più spettacolare la gara condizionando in positivo l’andamento del gruppo con un susseguirsi di volate.
La compattezza del gruppo si presenta al primo passaggio da Ceglie Messapica e nessun corridore riesce a staccarsi. La competizione ciclistica si sposta nei comuni della Valle d’Itria con sprazzi di allunghi ma la corsa si decide, come di solito è avventuo nelle scorse edizioni, nel circuito finale di Ceglie Messapica. La città, nel frattempo, confluisce sul circuito cittadino ad applaudire tutti i ciclisti, anche i meno fortunati che abbandonano o che per sfortuna cadono sul finale. Il podio finale risulta così composto: 1° posto Giovanni Lonardi del team “General Store”, 2° Alessandro Fedeli team “General Store” e Francesco Romano del team “Palazzago Amaru”.

Le poesie in vernacolo di Damiano Leo

Domenica 25 Settembre 2016

U CHJANDE DE LI CASIÈDDE DI PICOCO


A cci passava passave
ni trimindève angandate, si firmave.
Com’èrme bèll, com’èrme granne
mu n’one stutate, n’one angurcate l’anne.

    O scure l’ata notte  - Madonne ce pavure -
    senza ritègne, alla sicurdune,
n’one zumbate an guèdde
n’one ficcate an moche na furcèdde
n’one strazzate chjanche a june a june.

Angore li tinime jind’a li uècchje
quiddi  bbriganti, quidd’anime dannate
n’one scurciate vive, n’one ridotte a spècchje.
Ma jucculate “Avaste”, si n’one scappate.

    Currite cristià, currite uagnù,
    n’one spugghjate, na ni pudime cchjù.
    Li pètre ca son’arrubbate,
    cu ssi li mènine an gape
    sarà ca s’ambarine, na vote pe ttutte
    ca n’one puèste an grosce
    ca n’one fatte  - Dij ce ne scambe - na cosa brutte
    na l’èrme vulute ma, na la vulime josce.





IL PIANTO DEI TRULLI DI PICOCO

Chiunque passasse / ci guardava incantato, si fermava. / Come eravamo belli, come eravamo maestosi, / adesso ci hanno spenti, ci hanno incurvato gli anni. // Al buio l’altra notte - Madonna che paura - / senza remore, all’improvviso, / ci sono saltati addosso / ci hanno infilato in bocca una forca / ci hanno strappato le chianche ad una ad una. // Ancora li abbiamo negli occhi / quei briganti, quelle anime dannate / ci hanno scorticati vivi, ci hanno ridotti a “specchia”. / Abbiamo urlato “Basta”, sono scappati. // Correte gente, correte giovani, / ci hanno spogliati, non ne possiamo più. / Le pietre che hanno rubato, / che se li dessero in testa / forse imparerebbero, una volta per tutte, / perché ci hanno messo in croce / perché ci hanno fatto – Dio ci liberi – una cosa brutta / non l’avremmo mai voluta, non la vogliamo oggi.      

I "Tre Trulli" e i loro primi cinquant'anni di attività

Sabato 24 Settembre 2016
Domenica 18 settembre u.s, il ristorante “Tre Trulli” di Ceglie Messapica, ha compiuto i suoi primi cinquant'anni nella ristorazione. Il locale venne aperto dai coniugi Bellanova nel lontano 1966 e, in un primo momento, venne avviato come piccola attività, con una piccola cucina e come sala, i soli tre trulli esistenti. Successivamente i quattro figli Giovanni, Nicola, Tonino e Pierangelo, venuti a mancare i propri genitori, hanno voluto continuare l’attività specializzandosi in vari settori dell’enogastronomia. La nuova realtà è venuta fuori subito, in poco tempo sono stati ampliati i locali e pian pianino è diventata una vera e propria sala ricevimento, capace di contenere oltre 500 ospiti.
La festa per i primi cinquant’anni, naturalmente, si è svolta presso la loro struttura ed ha avuto una forte adesione di pubblico, soprattutto perchè l’incasso della serata è stato devoluto, insieme ad altri contributi di alcuni sponsor, alle popolazioni  del centro Italia colpite da terremoto.

Presentazione dei progetti per la città

Sabato 24 Settembre 2016
Martedì 27 settembre alle ore 18.30 presso il Castello Ducale, l’amministrazione comunale e il team VITACOM presenteranno sei nuovi progetti per la città di Ceglie Messapica.
L’evento permetterà all’intera comunità cegliese di conoscere i risultati del percorso di progettazione partecipata che nei mesi scorsi, con l’implementazione del modello VITACOM, ha visto la partecipazione attiva di cittadini, amministratori pubblici locali, rappresentanti di organizzazioni no profit e imprenditori della città messapica.
“La cittadinanza riunitasi attorno ai Tavoli per la Sussidiarietà Circolare – spiega Giovanni Vita l’amministratore unico della società Vitacom - ha condiviso le esigenze particolarmente avvertite sul territorio e gemmato sei interessanti idee progettuali su turismo, sociale, cultura, ambiente e agricoltura. Il prossimo 27 settembre presenteremo le proposte avviando in anteprima la fase di voto dei progetti che dall’1 al 30 ottobre sarà resa disponibile accedendo al portale www.vitacom.com”.
L’intera comunità, infatti, avrà la possibilità di votare il progetto preferito proponendo una classifica delle preferenze che l’amministrazione comunale potrà prendere in considerazione per una eventuale cantierizzazione delle idee progettuali.
“I Tavoli per la Sussidiarietà Circolare sono stati ricchi di riflessioni, spunti, quesiti, che si sono tradotti in sei idee progettuali – afferma il Vicesindaco di Ceglie Messapica, Angelo Palmisano - Nel ringraziare chi ha partecipato in prima persona ai tavoli di concertazione, rivolgo il mio invito a tutti i cegliesi affinché intervengano numerosi all’evento di presentazione dei progetti. Conoscere le idee progettuali, ma soprattutto votare la proposta preferita, rappresenterà per tutti un ulteriore passo per progettare insieme il futuro della nostra città”.